Logo del Parco
Condividi
Home » Cosa facciamo » News e comunicati

Progetto “I rettili del Parco Monti Simbruini”: Vipera aspis

( Jenne, 26 Luglio 19 )

Proseguono le attività di studi e ricerca volte a determinare quali specie di rettili siano presenti nel territorio del Parco. Dopo la Luscengola, il Colubro liscio e il Biacco, oggi la specie protagonista di questo articolo è la Vipera aspis.

Nel Lazio sono presenti due specie appartenenti al genere vipera, la Vipera ursinii e la Vipera aspis, e quest'ultima è l'unica presente all'interno del Parco dei Monti Simbruini con la sottospecie V. aspis francisciredi.

La Vipera aspis (chiamata comunemente Aspide o Vipera comune) è un rettile elusivo che si nutre principalmente di topi, ratti e lucertole utilizzando il suo morso velenoso per immobilizzare e uccidere la preda, che viene successivamente ingollata per intero; la strategia utilizzata dall'Aspide è quella di attendere nascosta tra la vegetazione sfruttando il criptismo conferitogli dalla sua particolare colorazione, caratterizzata da un colore di fondo variabile (marrone, rosso, verde, grigio o nero) e da una serie di bande scure alternate presenti sul dorso.

Una volta morsa la preda, la vipera si mette alla ricerca seguendo le sue tracce olfattive e quelle del proprio veleno, attività possibile anche grazie alla lingua biforcuta, eccezionale organo olfattivo che sfruttando le 2 estremità terminali permette all'animale di percepire non solo la presenza di un odore, ma anche la direzione da cui esso proviene.

Proprio il veleno delle vipere però è la loro condanna quando vengono in contatto con gli esseri umani, infatti questi serpenti sono oggetto di ataviche paure spesso prive di fondamento; soltanto il 10% di quanti vengono morsi da un'Aspide infatti va incontro alla morte (in media 1 persona all'anno in Italia, contro 10-20 persone decedute ogni anno a causa di punture di vespa).

Esistono in ogni caso delle linee guida da seguire in caso di morso:

1) Stare calmi e chiamare il 118 (il movimento e il battito cardiaco accelerato favoriscono la propagazione del veleno)

2) Fasciare l'arto come se fosse rotto

3) Rimuovere ogni cosa che possa costringere il punto morso (anelli, bracciali ecc...)

4) Bere tanta acqua

Inoltre per evitare di essere morsi è doveroso osservare alcune semplici accortezze se ci troviamo in un contesto naturale:

1) Indossare scarpe da montagna e pantaloni lunghi

2) Guardare dove si mettono le mani

3) Battere a terra con un bastone se ci troviamo in un'area in cui è possibile la presenza di serpenti (ad esempio nell'erba alta o in zone in cui c'è scarsa visibilità)

Ricordiamo inoltre che tutte le vipere preferiscono la fuga! L'essere umano non costituisce la preda naturale di nessun serpente italiano, bensì un potenziale e pericoloso predatore, la prima reazione che ogni ofide avrà in presenza di un uomo se si accorge di essere stato avvistato sarà quindi la fuga.

Tutte le specie di serpenti italiani sono inoltre protette da leggi europee e regionali, che ne vietano la cattura e l'uccisione.

DIVENTA ANCHE TU UN SEGNALATORE DEL PROGETTO RETTILI DEL PARCO!  

Tutte le segnalazioni di avvistamento di rettili vivi o morti andranno fatte dal 22 maggio al 31 ottobre 2019 all'indirizzo di posta elettronica: progettorettilidelparco@gmail.com - oppure al numero WhatsApp 345 3571430 

Per saperne di più sulla specie Vipera aspis e sulle altre specie, l'Ente sta organizzando nei sette comuni del Parco degli Incontri pubblici rivolti alla popolazione locale e ai fruitori del Parco, al fine di approfondire le attuali conoscenze sulla specie rettili nel territorio dei Simbruini, divulgare l'importanza della conservazione della specie nonché fornire informazioni sul corretto comportamento da tenere in caso di incontro.

Primo appuntamento Domenica 4 agosto ore 17.30 presso il centro visita di Monte Livata – Subiaco (RM).

Per Info: promozione.sviluppo@simbruini.it - 0774/827221

A cura del Servizio Naturalistico e dell'erpetologo Nicolò Borgianni

Vipera aspis
Vipera aspis
 
Logo del Parco
© 2019 - Ente Parco Naturale Regionale Monti Simbruini
V. dei Prati, 5 - 00020 Jenne (RM) - Tel 0774/827219-21 - Fax 0774/827183
E-mail: monti.simbruini@simbruini.it - Posta certificata - CF 94006850583
Regione Lazio