Logo del Parco
Condividi
Home » Territorio » Vegetazione » Erbe aromatiche, Officinali e Commestibili

Rosmarinus officinalis - Rosmarino

Uno scrigno di proprietà e benefici

Il rosmarino, una delle più conosciute piante aromatiche, viene immediatamente associato a profumati e fumanti arrosti… ma non è cosi, resterete sorpresi dagli innumerevoli usi e benefici!!!

Il rosmarino è una pianta arbustiva rustica e perenne che raggiunge l'altezza anche di 3 metri, ha radice profonde, fibrose e resistenti, ha fusti legnosi che possono essere prostrati, ascendenti o eretti, molto ramificati.
Le foglie sono persistenti e coriacee, lineari - lanciolate e numerosissime sui rametti; i fiori sono piccoli e riuniti in piccoli grappoli e fioriscono da marzo ad ottobre, la corolla che varia dalla tonalità lilla - indaco, all'azzurro-violaceo o più raramente bianca o azzurro pallido, hanno un'impollinazione entomofila poiché avviene attraverso insetti pronubi, cioè quelli che volando trasportano il polline di fiore in fiore; tra questi l'ape domestica, indispensabile e instancabile impollinatrice.
La coltivazione abbastanza semplice richiede una posizione soleggiata, al riparo dai venti gelidi preferibilmente con un muro in pietra dietro, che nelle ore notturne rilascia il calore accumulato durante la giornata; il terreno deve essere sabbioso, morbido e ben drenato in quanto il rosmarino mal sopporta il ristagno di acqua.
Con semplici consigli vi aiuteremo a conoscere tutte le proprietà che la piante aromatica ci regala e gli usi che possiamo farne, trasportandovi in un mondo nuovo e affascinante.

Rosmarino…in salute
Le foglie raccolte da maggio a luglio e fatte essiccare rigorosamente all'ombra oltre ad avere proprietà aromatiche, stimolano le funzioni digestive e l'appetito soprattutto in caso di astenia e affaticamento, di inappetenza in anziani e bambini.
Utilizzate per preparare un infuso o un decotto rappresentano un buon depurativo del fegato.
Gli effetti dei principi attivi del rosmarino, sono molto evidenti a livello gastrico ma agiscono anche a livello intestinale favorendo l'espulsione dei gas, risulta quindi un valido aiuto per i disturbi di scompensi digestivi e in caso di flatulenza.
Ha proprietà astringenti dovute al tannino presente nella pianta, per cui è indicato in caso di epistassi (sanguinamento del naso) e in caso di flussi mestruali abbondanti.
L'azione stimolante del rosmarino agisce anche sulle vie urinarie favorendo la diuresi, è quindi indicato in caso insufficienza renale.
L'infuso di rosmarino è indicato per gargarismi ed azione antisettica della gola ma è anche consigliato per l'igiene della bocca e per un effetto rinfrescante delle gengive.
Per reumatismi, artriti, dolori articolari e muscolari, si possono fare impacchi imbevendo garze nell'infuso o nel decotto di foglie, da applicare direttamente sulla parte interessata, si favorirà così un'azione antidolorifica oltreché stimolante sulla circolazione sanguigna.

Rosmarino… in bellezza
L'infuso di rosmarino usato nel risciacquo dei capelli, massaggiando il cuoio capelluto stimola i follicoli piliferi alla ricrescita, migliora la circolazione sanguigna, regola la secrezione sebacea, previene la calvizie precoce e l'alopecia; i capelli risulteranno più lucidi e forti.
Versato nell'acqua del bagno, l'olio essenziale di rosmarino stimola energicamente la circolazione, è antisettico, sudorifero e tonificante.
La Regina d'Ungheria che all'età di settant'anni fu chiesta in sposa dal giovane Re di Polonia usava "un'acqua" che era un elisir di bellezza, un distillato di rosmarino preparato con: 10 gocce di olio essenziale di rosmarino fiorito con mezzo litro di acqua di rose o di arancio, al quale vanno aggiunti 2 dl di alcool buongusto (95° va bene anche quello che si usa per produrre liquori in casa), lasciar stagionare per sei mesi. A questo punto è pronta per frizionare la pelle del viso e del corpo con massaggi o spugnature.

Usi vari, consigli e ricette
Sacchetti contenenti rosmarino e alloro messi all'interno di cassetti e armadi tengono lontane le tarme da indumenti e alimenti.
Il rosmarino è adatto per profumare e rinfrescare gli ambienti utilizzando mazzetti decorativi o piccole ghirlande da appendere alle porte, oppure facendolo bollire in un pentolino di acqua, con l'aggiunta di una scorsa di limone a fuoco molto basso.
Per disinfettare la casa ma soprattutto il bagno: far bollire per 10 minuti in mezzo litro di acqua una manciata di foglie di rosmarino, filtrare il tutto ed utilizzare.

Vino digestivo al rosmarino
Un ottimo vino digestivo preparato con le foglie di rosmarino
Ingredienti:
1 litro di buon vino rosso - 40 g di foglie di rosmarino (fresche) - scorza di 1 limone (non trattato).

Preparazione:
Pulire le foglie di rosmarino con uno straccio umido e poi metterle a macerare nel vino per 7 giorni insieme alla scorza di limone.
Trascorso questo tempo filtrare il macerato con un colino, imbottigliare e conservare in un luogo fresco.
Servire il vino a fine pasto per facilitare la digestione e combattere l'alitosi

Infuso di rosmarino:
1-2 cucchiaini di foglie essiccate di rosmarino
1 tazza di acqua bollente
Lasciare in infusione in un recipiente coperto per 10-15 minuti. Filtrare
Impacco per reumatismi, dolori articolari e muscolari, artriti si possono usare compresse di garza imbevute di infuso o decotto di rosmarino. Gli impacchi favoriscono un'azione stimolante della circolazione e antidolorifica.

Impacco:
50 - 60 grammi di foglie di rosmarino
Acqua 1 litro
Lasciare bollire per 10 -15 minuti, spegnere e filtrare

Rosmarino
Rosmarino
(foto di: Archivio Parco Monti Simbruini)
Logo del Parco
© 2020 - Ente Parco Naturale Regionale Monti Simbruini
V. dei Prati, 5 - 00020 Jenne (RM) - Tel 0774/827219-21 - Fax 0774/827183
E-mail: monti.simbruini@simbruini.it - Posta certificata - CF 94006850583
Regione Lazio