Logo del Parco
Condividi
Home » Territorio » Vegetazione » Erbe aromatiche, Officinali e Commestibili

Portulaca oleracea - Portulaca

La Portulaca appartiene alla famiglia delle Portulacaceae, è una pianta commestibile molto presente in giardini e campi coltivati, considerata infestante per la sua incredibile capacità riproduttiva, ma è davvero un'erba miracolosa per le sue proprietà. Questa pianta dalla forma prostrata e strisciante, ha il vantaggio di crescere spontaneamente tutto l'anno nei luoghi in cui c'è un clima più caldo, terreno morbido e posizione soleggiata.
Probabilmente di origini asiatiche è conosciuta in Italia con i vari appellativi regionali della tradizione contadina: viene chiamata porcellana o erba grassa in Lombardia, porcacchia nel Lazio e Marche, precacchia in Abruzzo e chiaccunella in Campania.
Esistono però differenti tipi di portulaca che è bene non confondere, spesso troviamo in terrazzi e giardini la portulaca ornamentale, non edibile, quella selvatica e commestibile, la portulaca oleracea si trova principalmente negli orti: ha foglie di colore verde chiaro, di forma tondeggiante, mentre i fusti si riconoscono perché molto ramificati e sviluppati in orizzontale. La raccolta va effettuata in luoghi sicuri, puliti e incontaminati, in quanto questa pianta ha la capacità di assorbire i metalli pesanti.

Portulaca… in salute
Ricca di acidi grassi polinsaturi di tipo Omega 3, la portulaca è considerata una fonte vegetale fondamentale, infatti gli Omega 3 sono i grassi buoni che svolgono importanti funzioni a livello strutturale, per esempio nella composizione dei tessuti nervosi e delle membrane cellulari, aiutandone lo sviluppo; oltreché contribuiscono a ridurre colesterolo e trigliceridi, a prevenire il diabete e, favorendo una migliore circolazione del sangue, previene le malattie cardiovascolari.
Proprio per la presenza di acidi grassi polinsaturi la portulaca ha anche proprietà diuretiche, depurative, dissetanti, anti-batteriche e anti infiammatorie, agisce sul rafforzamento del sistema immunitario e rallenta l'invecchiamento della pelle. La portulaca ha ottime quantità di potassio e di magnesio ed una buona quantità di vitamine C, A, B e sali minerali (ferro, potassio, magnesio, fosforo, zinco,selenio e calcio). Nella medicina tradizionale è considerata un rimedio contro disturbi intestinali come vomito e dissenteria, enterite acuta ed emorragie post-parto. Molto apprezzata ed utilizzata nella medicina cinese tradizionale, la portulaca viene utilizzata nelle tisane come sollievo contro dolori allo stomaco e al fegato.

Portulaca… in cucina
Raccolta come erba spontanea o coltivata come erba aromatica, la portulaca può essere usata in cucina a crudo, scegliendo i germogli giovani dal momento che quelli più vecchi hanno un retrogusto amarognolo: in questo modo si potranno gustare come crudité gli steli freschi e le foglie più ricchi di vitamine. La portulaca è più saporita delle verdure e delle erbe comunemente usate più utilizzate per preparare le insalate, che arricchisce grazie a un sapore leggermente aspro e fresco che la rende ottima anche insieme ad altre erbette di campo e ortaggi. Può essere utilizzata anche per estratti e centrifughe assieme ad altra frutta e verdura
Diversamente può essere mangiata anche cotta e aggiunta nelle minestre, nei ripieni di pasta fresca, nelle frittate e negli sformati con la besciamella. Viene utilizzata cotta a vapore soprattutto nel nord Europa, sia saltata nel burro e fritta in pastella, sia nelle zuppe casalinghe per aromatizzare il piatto; passata in padella con olio, cipolla, patate e ortaggi misti diventa un secondo piatto ricco, genuino e velocissimo da preparare.
Un altro modo per usarla in cucina è conservarla sott'olio una volta sbollentata in acqua e aceto, da servire accanto a crostini, olive e cipolline in agrodolce per antipasto.
Anche i semini della portulaca sono ottimi in cucina: prima che la pianta cresca si possono raccogliere e aggiungere all'impasto del pane o nello yogurt insieme ai cereali per una colazione nutriente.

Ricette con la Portulaca

Tortilla di Portulaca
Ingredienti
  • 100 g di portulaca 1 cipolla
  • 4 patate medie 4 uova
  • q.b. di sale q.b. di pepe
  • q.b. di olio extravergine d'oliva
Preparazione
1. sbucciate patate e cipolla e tagliatele a fette sottili;
2. lavate la portulaca e lasciate asciugare;
3. nel frattempo sbattete le uova in una ciotola dai bordi alti e aggiungete un pizzico di sale e pepe;
4. scaldate l'olio in una padella antiaderente e quando è caldo fate soffriggere la cipolla e le patate;
5. a metà cottura aggiungete la portulaca e le uova precedentemente sbattute abbassando la vivacità della fiamma;
6. quando la tortillas è ben cotta su entrambi i lati, spegnete il fuoco e servite in tavola.

Insalata di Portulaca
Ingredienti
  • 150 g di portulaca 2 uova
  • 1 gambo di sedano
  • q.b. di sale q.b. di olio extravergine d'oliva
Preparazione
1. preparate un tegame con l'acqua per le uova da fare sode;
2. nel frattempo, lavate la portulaca e quando è asciutta versatela in una ciotola;
3. tritate a parte il sedano con olio e sale;
4. unite il composto alla portulaca insieme alle uova sode;
5. per dare un gusto più goloso all'insalata aggiungete un cucchiaio di maionese.
Portulaca oleracea - Portulaca
Portulaca oleracea - Portulaca
(foto di: Parco Naturale Regionale Monti Simbruini)
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione
Logo del Parco
© 2020 - Ente Parco Naturale Regionale Monti Simbruini
V. dei Prati, 5 - 00020 Jenne (RM) - Tel 0774/827219-21 - Fax 0774/827183
E-mail: monti.simbruini@simbruini.it - Posta certificata - CF 94006850583
Regione Lazio